Tutto sommato soddisfatta Marta Bassino, quarta e una delle cinque azzurre che ieri nel Gigante di Killington hanno fatto segnare un risultato storico: cinque nelle prime nove.

“Siamo tutte lì, significa che il lavoro è stato fatto bene e che siamo sulla strada giusta. Chiaro perdere il podio per due centesimi, su una pista in queste condizioni, un po’ mi brucia. D’altra parte sono sempre fra le prime e devo essere contenta. Dallo Slalom non mi aspetto nulla, vado in partenza e provo a sciare al meglio delle mie possibilità”.

Non contenta della propria prestazione Federica Brignone, che però vuole fare i complimenti alle compagne.

“Sono contenta per Sofia, per Marta, ma la mia prestazione di oggi non mi consente di essere felice. Io sono partita con il pettorale numero 3, ma secondo me la pista era più rovinata nella prima manche che nella seconda. Nella prima non mi sono fidata a spingere fino in fondo e nella seconda ho commesso troppi errori. Nello slalom, parto con il numero 31. Attaccherò a tutta”.

Nella foto: la grinta di Federica Brignone alla partenza del Gigante di Killington non è bastata a portarla sul podio.

Commenta su Facebook

Commenti

LASCIA UN COMMENTO